Cosa vuol dire “Ok Boomer”? Guida al vocabolario Zoomer

Cosa vuol dire “Ok Boomer”? Guida al vocabolario Zoomer: ovvero come i nostri genitori possono capire meglio noi Millennials e i giovani di oggi.

Cosa vuol dire “Ok Boomer”? Guida al vocabolario Zoomer

Sono chiamati in molteplici modi, iGen, Generazione Z, Post-Millennials o Centennials. Ma la domanda rimane sempre la stessa: chi sono gli Zoomer?

Chi sono gli Zoomer? Conosciamoli meglio

Della generazione Z fanno parte tutti quei giovani adulti nati dal 1997 fino al 2010. A differenza della generazione dei Millennials, gli Zommer sono praticamente nati e cresciuti con Internet e con un dispositivo tecnologico.

Io ho una Zoomer in casa: la mia sorellina Gemma, nata il 26 ottobre 2009 è praticamente un organismo in simbiosi con l’iPad. O meglio, l’iPad è totalmente a servizio della Gemma, proprio perché questa generazione è totalmente consapevole del funzionamento dello strumento tecnologico.

via GIPHY

 

Boomer contro Zoomer, un divario invalicabile?

Se il conflitto generazionale era piuttosto aspro già tra la generazione dei miei genitori e la mia, quella dei Millennials, lo è ancora di più con gli Zoomer. La generazione Z appare a tratti molto distante da quelle che erano le abitudini o i modi di fare dei nostri genitori da ragazzi. Basti pensare che oggi i processi di socializzazione non si fanno solo a scuola ma anche sui social network, che rivestono un ruolo importantissimo per i post-Millennials.

Il risultato? Tra Boomer e Zoomer incomprensioni a gogo.

Basterebbe essere un po’ più aperti alla novità tutti quanti, per poter far tesoro degli aspetti migliori di ogni tempo, o avere una sorella super-mega-fantastica come la sottoscritta (modesta) che fa da collante tra Boomer, Millennials e Zoomer. Questa cosa però molto spesso non succede e per questo motivo Babbel – applicazione mobile e non solo leader nel settore  dell’apprendimento linguistico – ha creato la guida interattiva “Sboomerizzati: la Generazione Z tra nuovi social media, itanglese, attivismo e musica”, per capire e conoscere ancora meglio i giovani adulti appartenenti alla iGen.

guida per capire cosa vuol dire ok boomer

Zoomer, una generazione da cui imparare

Come ti dicevo, io ho una sorellina che appartiene a questa generazione e, confrontandomi con lei e con i suoi compagni emergono molto spesso argomenti interessanti. Questi giovani adulti sono estremamente vicini a tematiche sociali, soprattutto per quanto riguarda l’inclusione e la sostenibilità ambientale. I social stessi sono una grande finestra sulla mente di questi ragazzi super impegnati tra un post in cui si parla del movimento Black Lives Matter (80%), i diritti LGBTQ+ (74%) e il femminismo (63%).

L’impegno però non si esaurisce al social, ma trova riscontro soprattutto nella vita offline, cosa su cui ci dovremo soffermare con molta attenzione e dovremo farci un esame di coscienza. Abbiamo noi, Boomer, Millennials, la stessa coerenza nella vita di tutti i giorni?

Seguo molte ragazze su YouTube molto più piccole di me che mi hanno fatto conoscere prodotti plastic free, sostenibili e etici che io mai mi sarei neanche immaginata e per questo motivo le ringrazio di cuore. Ti confesso però che molto spesso non ce la faccio proprio a reggere il passo e qualche involucro di plastica mi capita di averlo tra le mani. A mia sorella queste cose non capitano, semmai molto più raramente rispetto a me.

Ok Boomer: solo Meme e Gif per la iGen?

Sappiamo chi sono gli Zoomer, quali sono i loro valori, ma conosciamo la loro lingua? La mia risposta è “dipende”; ma dipende da cosa?

Se bazzichi su internet e sei avvezzo a Meme e gif, molto probabilmente non avrai alcuna difficoltà a capire un post-Millennials. Altrimenti menttiti ad ascoltare una canzone trap, il genere musicale più amato dagli Zoomer per capire un po’ lo slang e accorgerti che è un linguaggio fatto di espressioni mutuate dall’inglese come Blast, Boomer, Cringe e Normie o altri come Bufu e Flexare.

…e io che conoscevo solo YOLO!

Insomma, per stare al passo con gli Zoomer e le generazioni di domani c’è sempre da imparare per evitare di farci apostrofare con un “ok Boomer” non solo per il linguaggio, ma anche e soprattutto per il pensiero critico sui principali temi di attualità.

Dietro ai giovani d’oggi si nasconde un mondo in continua evoluzione che ho avuto la fortuna di conoscere insegnando informatica a scuola e che voglio continuare ad approfondire e comprendere attraverso la guida interattiva di Babbel.

Posted in

Francesca Giagnorio

Lascia un commento





Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.