MASSIMO REBECCHI Spring Summer 2015

Mi sto accorgendo che ciò che emoziona è estremamente raro, e per questo estremamente prezioso. L’emozione è fondamentalmente dentro di noi, ma difficilmente esce fuori allo scoperto e fa battere il cuore all’impazzata e sudare freddo: almeno per me per ora funziona così. Ho bisogno di sfide per emozionarmi, di fare foto difficili e in condizioni che non mi sono mai capitate per le mani, o meglio, per l’obiettivo. Un’occasione che mi ha fatto saltare il cuore in gola e farmi pensare che non ce l’avrei mai fatta è stato il backstage e la sfilata di Massimo Rebecchi.
TRANSLATION HERE

Mai mi dimenticherò il clima concitato e teso che si respirava dentro il backstage della sfilata. Le modelle si dovevano spostare da una parte all’altra facendo una specie di salto agli ostacoli tra fotografi e organizzatori. I MUA truccavano frenetici e impartivano gli ordini a destra e a manca. In tutta quella furia e quella frenesia era presente un equilibrio e una scalata verso quella perfezione che poi si sarebbe concretizzata con la sfilata che ci sarebbe stata da lì a pochi minuti.
Visi incantevoli e androgini, sorrisi da Gioconda e completi dalle linee maschili e sobrie su forme slanciate. Fantasie optical e freschezza: MASSIMO REBECCHI.

Grazie per esser passato da me  || Thanks for reading 

 
FOLLOW ME ON:

 

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo dove (e con chi) preferisci

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on email
Francesca Giagnorio

Francesca Giagnorio

Content creator appassionata di fotografia! Vivo in mezzo alla natura e ho trovato la mia anima nel cottagecore.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.