Cosa vedere a Imperia in 3 giorni? Località più belle da visitare nella provincia ligure

Cosa vedere a Imperia in 3 giorni? Località più belle da visitare nella provincia ligure. Cosa fare in Liguria? L’itinerario di viaggio ne #LaMiaLiguria alla scoperta dei luoghi e dei prodotti tipici nella Liguria più SLOW.

Cosa vedere a Imperia in 3 giorni? Località più belle da visitare nella provincia ligure

Ed eccoci qui con un piccolo riassunto di tutto ciò che abbiamo fatto durante questi tre giorni di Get Your Liguria Experience. Non sai cos’è? Recupera il post che ho scritto, puoi leggerlo a questo link.

Giorno 1: alla scoperta di Mendatica e trekking fino alla cascate della Valle Arroscia

Il primo dei 3 giorni in provincia di Imperia il b&b Dolcedisera ci ha regalato una colazione in terrazza con una vista mozzafiato. Emozionantissimi, siamo montati su un super mezzo ibrido, la nostra Toyota Yaris. Direzione? Mendatica per un trekking particolare.

Trekking con gli asinelli a Mendatica

La cooperativa Brigì di Mendatica ci ha accolto all’entrata del paese con due amici speciali: due asinelli! Pepe e Pinocchio, gli asini, ci hanno accompagnato su per la montagna alla scoperta di una vecchia chiesetta davvero speciale. La chiesetta in questione è quella di Santa Margherita e al suo interno conserva affreschi antichissimi di età tardo medievale. L’assenza di prospettiva degli affreschi e i racconti dei ragazzi della cooperativa sulle tradizioni di quelle zone ci hanno riportato indietro nel tempo e ci hanno fatto entrare in un’altra dimensione. Durante il trekking abbiamo imparato cos’è la cucina bianca, interamente basata su prodotti di colore bianco come castagne, rape o formaggio, e abbiamo camminato dove un tempo i contadini praticavano la transumanza.

asini a mendatica

I volti dell’Ubagu: l’antica civiltà ligure della Valle Arroscia

Con questo trekking nella Valle Arroscia abbiamo imparato a conoscere l’antica civiltà ligure. Abbiamo conosciuto i volti dell’Ubagu, una dimensione intima, selvatica e a contatto con la natura.

La vicinanza col bosco e la contemplazione delle cascate della Valle Arroscia ci hanno fatto apprezzare questa antica dimensione dell’Ubagu. Ci siamo sentiti vicini ai contadini della transumanza, a quelle mogli che preparavano anticamente le farinate e a quei ragazzini che accompagnavano i padri o i nonni a pascolare gli animali.

La conosci la storia del Rossese di Dolceacqua? Noi no prima d’ora, ma ci ha appassionato conoscerla

Dopo aver assaporato la bellezza di questa dimensione tutta naturale siamo tornati a Dolceacqua dove abbiamo gustato il vino Rossese e ne abbiamo appreso la storia.

Giorno 2: il borgo di Bussana Vecchia e i suoi artisti, un luogo che ti rimarrà nel cuore. Ne sono sicura

crocette biscotti liguri

Il secondo giorno dei 3 giorni in provincia di Imperia ci ha dato la possibilità di gustare dei dolcetti tipici della Liguria, le crocette, prima di metterci al volante della nostra Toyota Yaris. Direzione? Bussana Vecchia, il paese completamente autogestito dagli artisti. Lì abbiamo potuto dare libero sfogo al nostro lato creativo componendo un quadro con conchiglie, gesso, sassi e scampoli di tessuto con l’artista Daniela Gabeto. Ognuno di noi ha parlato di sè attraverso la sua opera in una maniera del tutto inaspettata. Tu in quale di questi quadri ti rivedi di più?

Tra vernice spray, risate e polvere di gesso siamo entrati nel clima artistico di Bussana Vecchia, apprendendo anche la sua storia (che tu puoi ascoltare in questo podcast). Il tempo è passato velocissimo e in un baleno siamo arrivati all’ora di pranzo.

La Barca di Bussana Vecchia: un pranzo indimenticabile

Abbiamo pranzato a La Barca in mezzo ad un gruppo di artisti, giovani ragazzi e backpacker di passaggio ognuno con una storia e tanto da raccontare. Io ho conosciuto Sonia, una ragazza ucraina che aveva cominciato il giro dell’Europa zaino in spalla. Sonia mi ha conquistato con la sua freschezza e la luce dei suoi occhi, raccontandomi che non stava girando solo l’Europa ma che, con un computer e una connessione, stava anche lavorando nel frattempo. È stata per me una grandissima fonte di ispirazione come puoi immaginare.

la barca bussana vecchia

Tra una pizza e l’altra (sì abbiamo fatto anche le pizze per tutti!) abbiamo proseguito poi il pomeriggio a intervistare gli artisti e a scoprire cosa sono le lumasse. Curioso?

Vuoi sapere cosa sono le lumasse e come si cucinano? Scoprilo qui

Le lumasse sono le lumache e la tipica ricetta ligure è semplicissima. Basta far spurgare qualche giorno le lumache con della crusca, pulirle e cuocerle con vino bianco, olio, prezzemolo, aglio e un po’ di pomodoro per un’ora. Et voilà! Le lumasse sono pronte per essere gustate.

Nel tardo pomeriggio siamo tornati a Dolceacqua per visitare il Castello dei Doria.

castello Doria dolceacqua

Giorno 3: dall’ulivo all’olio con Olio Anfosso e la visita al teatro più piccolo del mondo

Eccoci arrivati all’ultimo dei 3 giorni in provincia di Imperia. Dopo la nostra deliziosa colazione al b&b Dolcedisera ci siamo diretti alla volta di Chiusavecchia e abbiamo scoperto i segreti della produzione dell’olio. Vuoi sapere quante olive servono per avere un litro d’olio? Vuoi sapere come conservare nella maniera migliore l’olio? Allora devi ascoltare questo podcast che abbiamo fatto da Anfosso.

Subito dopo un pranzo con i prodotti tipici siamo volati a Pieve di Teco per vedere il teatro più piccolo del mondo.

Siamo diventati attori a Pieve di Teco

A Pieve di Teco siamo diventati dei veri e propri attori, mettendo in scena Il lago dei Cigni.

E questa avventura volge al termine

Ringrazio Mendatica che mi ha avvicinato al mio lato ubagu, intimo e selvatico, così affezionato alla natura. Sono grata a Bussana Vecchia per avermi insegnato a guardare alla vita di ogni giorno con un pizzico di creatività in più. Ringrazio Pieve di Teco perchè ha tirato fuori il mio lato più giocoso. Ringrazio la Liguria e questi 3 giorni in provincia di Imperia perchè non solo mi ha dato tanta bellezza, ma anche perchè torno a casa con un sacco di amici in più.

ENJOY!

Posted in ,

Francesca Giagnorio

Francesca Giagnorio. May, 13, 1993. Fashion, beauty and life lover.

3 commenti

  1. Mariateresa in 21/07/2017 il 15:29

    Che bella esperienza!
    Un bacione,
    Mariateresa Scotti
    Fashion secrets of a pretty girl
    FACEBOOKINSTAGRAMTWITTERLOOKBOOK

  2. Serena in 24/07/2017 il 15:27

    le foto stupende! 🙂

  3. […] questo link inoltre trovi il post riassuntivo di tutto ciò che è successo in Liguria con GYLE. Ricordati: […]

Lascia un commento





Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.