Il nostro ultimo giorno di Parigi tra il negozio del Piccolo Principe e DIOR

Il nostro ultimo giorno di Parigi tra il negozio del Piccolo Principe e DIOR, ma anche il Museo Nazionale di Gustave Moreau e un pranzo da Lafayette.

Il nostro ultimo giorno di Parigi tra il negozio del Piccolo Principe e DIOR

Una settimana fa ti avevo lasciato proprio prima di entrare nel negozio del Piccolo Principe. Oggi invece entriamo insieme nel mondo creato da Exupéry e scopriamo quali meraviglie siano presenti nel negoziato più carino di Parigi.

Alla scoperta del negozio del Piccolo Principe

All’interno della boutique del Piccolo Principe potrai trovare ogni tipo di gadget a tema: dalle penne ai Block notes c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

Io non ho potuto fare a meno di comprare dei pensierini per le mie amiche e mia mamma si è lasciata conquistare dalla penna a forma di rosa.

Passeggiando per le vie di Parigi ci siamo fatte incantare dalla bellezza di un piccolo passage nel Quartiere Latino che ci ha portato dritte dritte in un negozio di cartoleria dove mi sono comprata il bullet journal per il 2018.

Stanchissime, siamo tornate in albergo dove abbiamo fatto un ordine foodora che da lì a pochi minuti ci è stato recapitato in camera.

Ultimo giorno di Parigi: il Museo Nazionale di Gustave Moreau e DIOR

L’ultimo giorno è stato inaugurato con la visita al Musée Gustave Moreau. Essendo la prima domenica del mese il giorno in cui ci siamo state, il museo era gratis.

Abbiamo visitato le stanze in cui Moreau lavorava, riceveva i propri ospiti e viveva. Collezione di tutti i dipinti a parte, una cosa che merita davvero la tua attenzione è senz’altro la scala a chioccola che porta all’ultimo piano dell’edificio.

Elegantissima e slanciatissima, la sua forma ti ipnotizzerà.

Visitato il museo, ci era venuto un certo languirono. Poiché eravamo piuttosto vicine alle Galeries Lafayette, abbiamo colto la palla al balzo e abbiamo pranzato proprio lì, nella parte Gourmand, con un delizioso piatto di ispirazione orientale.

Un pranzo come vuoi tu alle Galeries Lafayette

Le Galeries Lafayette devi sapere infatti che sono divise in tre: parte donna, parte uomo e la parte dedicata alla somministrazione e ai generi alimentari.

Dopo aver recuperato una boite di Kusmi Tea (per sapere di più guarda il video), siamo corse al Musée des Arts Decoratifs per la mostra di Dior.

Un vero e proprio spettacolo a occhi aperti! Sappi che te ne parlerò presto in un post a parte, perchè ho un’infinità di parole e foto che voglio trattenere.

View this post on Instagram

Cosa indosserete durante questi giorni? 🎄io mi immergerò in una tuta che toglierò dopo l’Epifania 😂ovviamente sarà rossa! Scherzi a parte, durante la #VigiliaDiNatale e il #25dicembre il rosso e il verde vincono su tutto ❤️💚avere nell’armadio uno di questi vestiti di #ChristianDior farebbe proprio comodo! Domani vedrete l’ultimo episodio di Parigi e io non vedo davvero l’ora!! • • • • • • • • • • • #buonnatale #parismaville #topparisphoto #parismonamour #parisjetaime #super_france #paris_focus_on #visitparis #parisphoto #passionpassport #igersparis #monhiveràparisregion #iledefrance #paris_tourisme #pariscartepostale #thisisparis #secretsdeparis #seulementparis #franciapartisubito #francefr #feelparisregion #couturierdereve #museedesartsdecoratifs

A post shared by ✨FrancescaGiagnorio✨ (@francescagiagno) on

Spero davvero che questo video ti sia piaciuto! Se è stato così e se ti va, iscriviti al mio canale e non perderti i futuri video.

Ti aspetto domani per augurarti buon Natale e buone feste!

Posted in ,

Francesca Giagnorio

Francesca Giagnorio. May, 13, 1993. Fashion, beauty and life lover.

1 commento

  1. Serena in 27/12/2017 il 17:35

    wow!

Lascia un commento





Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.